L' Guida alla tassazione delle cantine e dei vigneti

guida fiscale

Non ci sono commenti

Tutti i vantaggi di cui nessuno ti ha parlato.

 

È la stagione, giusto? Se stai leggendo questo, è probabile che tu sia uscito dalle vacanze tutto intero. (Potresti ancora ristabilire la tua sanità mentale, ma dopo tanto tempo con la famiglia, non lo siamo tutti?) Bene, l'attacco alla tua salute emotiva non è finito, non ancora. L'IRS si assicurerà di quello. Certo, puoi aspettare fino al temuto giorno delle tasse ad aprile, oppure puoi farla finita a gennaio e goderti il ​​resto dell'anno.

Stagione fiscalePer tutti voi che possiedi un vigneto o un'azienda vinicola o stai cercando di acquistare un vigneto in vendita, un'azienda vinicola in vendita o un terreno su cui sviluppare uno dei suddetti, questo è per te. Che ci crediate o no, come per le piccole fattorie, ci sono molte agevolazioni fiscali di cui approfittare, e forse questo sigillerà l'accordo per tutti coloro che stanno pensando di entrare nel business.

The Wine Industry Audit Technology Guide: o ATG

Grazie ai nostri amici dell'Internal Revenue Service ora abbiamo un ATG per l'industria del vino. (lo trovi su IRS.gov) Proprio come un avvertimento, questo è stato rilasciato nel marzo 2011 e non garantiscono la completa accuratezza oltre tale data. Tuttavia, è un buon punto di partenza per avere un'idea di cosa stiamo guardando quando si tratta della tua azienda vinicola e delle tasse. Con poco più di 30 pagine, ecco una panoramica approssimativa di ciò che troverai in questa guida:

Capitolo 1 – Panoramica delle operazioni di cantina/vigneto

Agricoltura, azienda vinicola (produzione), marketing/vendite

Capitolo 2 – Raccolta di informazioni pre-audit

Fonti di informazione

Capitolo 3 – Considerazioni sull'audit

Richiesta di documenti informativi iniziali, conti di stato patrimoniale, conti di entrate e uscite

Capitolo 4 Capitalizzazione e contabilità fiscale

Operazioni di vigneto, costi di sviluppo del vigneto, costi di coltivazione dell'uva e riconoscimento del reddito, metodi di ammortamento, operazioni di cantina

Nel capitolo 1 la guida delinea i tempi e il trattamento dei costi di sviluppo. Sono i seguenti:

“Linee guida per la capitalizzazione e la spesa dei costi di impianto del vigneto quando UNICAP non si applica. Se si applica UNICAP, tutti i costi vengono capitalizzati fino a quando il vigneto non inizia a produrre un raccolto. Di seguito è riportato un esempio di costi che annotano C per Capitalize ed E per Expense. “

1ATG2ATG

È possibile visitare il IRS sito web da leggere se ti va. È anche importante notare che molte aziende CPA sono specializzate nel settore del vino.

Scavando in Internet non è difficile imbattersi in siti con tutti i tipi di crediti. Decifrarli e decidere se si applicano alla tua attività è un gioco completamente diverso. Nella parte successiva, citerò i siti Web e le informazioni che ho trovato, sperando di ottenere tutto in un unico posto per una rapida lettura.

Virginia decodificata: Credito d'imposta per aziende agricole e vigneti.

Credito d'imposta sui vignetiSpese in conto capitale qualificate -

Questo si riferisce a tutte le spese sostenute dal contribuente per l'acquisto e l'installazione di: botti, bidoni, attrezzature per l'imbottigliamento, attrezzature per capsule, prodotti chimici, tappatrici, frantoi, dispositivi di fermentazione riconosciuti, fertilizzanti e ammendanti, filtri, vendemmiatrici, piante d'uva, tubi , attrezzature per l'irrigazione, attrezzature per etichettatura, pali, pali, presse, pompe rifrattometri, attrezzature per la refrigerazione, seminatrici, serbatoi, trattori, tini, attrezzature per diserbo e irrorazione, serbatoi per vino e filo.

Vigneto Virginia –

Terreno agricolo situato nello stato della Virginia che ha almeno un ettaro di terreno dedicato alla coltivazione della vite che sono utilizzati o destinati ad essere utilizzati per la vinificazione da un'azienda vinicola della Virginia.

Credito d'imposta –

Per ogni anno successivo al 2011 qualsiasi azienda vinicola della Virginia ha diritto a un credito d'imposta per spese in conto capitale qualificate in relazione alla creazione di nuove aziende vinicole o vigneti della Virginia, nonché miglioramenti di capitale. Il credito è pari al 25% di tutte le spese in conto capitale qualificate.

Se il credito d'imposta supera la passività del contribuente per l'anno d'imposta, l'eccedenza può essere riportata e utilizzata a fronte di eventuali passività successive nei successivi 10 anni.

In caso di partnership, S-corporation o LLC, il credito verrà assegnato in base alla proprietà.

 

Fox Business: consigli fiscali per gli agricoltori (Solo proprietari unici)

Suggerimenti fiscali per gli agricoltori

Se il vigneto e/o la cantina è di proprietà di un unico proprietario, l'agricoltura è considerata una piccola impresa.

Le regole di base:

  1. L'utile netto è soggetto all'imposta sul lavoro autonomo
  2. Tutte le spese aziendali "ordinarie e necessarie" possono essere detratte
  3. Tutti i lavoratori che assumi sono soggetti a ritenuta d'acconto sui salari a meno che non si qualifichi come appaltatori indipendenti
  4. Le perdite operative nette possono essere riportate all'indietro o in avanti
  5. L'assicurazione sanitaria per i lavoratori autonomi può essere detratta
  6. Puoi detrarre i contributi del piano pensionistico a un'IRA ecc.
  7. Costo del venduto: se acquisti qualcosa per la rivendita, puoi detrarre il motivo per cui vende, non quando lo acquisti

Agevolazioni fiscali aggiuntive offerte agli agricoltori (e non alle piccole imprese)

  1. Se come agricoltore sperimenti un reddito eccezionalmente alto un anno, puoi scegliere di fare la media del tuo reddito considerando gli ultimi 3 anni di reddito inferiore al fine di ridurre l'attuale bolla fiscale. (Questo valeva per tutti, ma è stato cancellato dal codice fiscale nel 1986, ad eccezione dei fortunati agricoltori.)
  2. Il reddito da locazione non è generalmente soggetto all'imposta sul lavoro autonomo, tuttavia se si partecipa materialmente ad attività agricole (come l'accordo di mezzadria o essere pagati nei raccolti) allora diventa soggetto all'imposta sul lavoro autonomo.
  3. Se sei proprietario di un vigneto puoi destinare una certa percentuale del tuo terreno a “denominazione” e detrarre l'ammortamento in base a quel valore.
  4. Il carburante utilizzato per le attività fuoristrada e l'agricoltura può essere soggetto a rimborsi o crediti di accise federali.
  5. Le spese "ordinarie e necessarie" possono includere: rimozione del pennello da un'area che si desidera coltivare, pulizia di fossi drenanti e conservazione del suolo e dell'acqua (purché non superi il 25% del reddito!)
  6. Alcuni redditi possono essere dichiarati negli anni successivi.
  7. Nota: alcuni redditi non sono imponibili, come i proventi dei programmi di conservazione con condivisione dei costi.

 

Vini e viti: detrazioni nascoste per aziende vinicole e coltivatori

lavoro d'ufficioQuesto articolo prende atto che molte aziende agricole hanno la possibilità di molte agevolazioni fiscali che altre aziende non hanno. Eccone alcuni da notare:

Disposizioni specifiche agricole

Come indicato nella sezione precedente, possono essere detratte le spese per la conservazione del suolo e dell'acqua, nonché le spese sostenute per proteggere le specie in via di estinzione.

Le aziende agricole possono rivendicare una perdita operativa netta fino a 5 anni, rispetto a 2 con altre aziende.

Molti coltivatori hanno la possibilità di detrarre i costi post-raccolta/prima del germogliamento, purché non utilizzino il metodo in contanti.

Confusione nell'inventario

Vini invecchiati: il costo di produzione non vale solo per l'anno in corso, ma per tutti gli anni di invecchiamento.

I costi dell'uva possono essere gestiti in modo diverso ai fini fiscali.

Quando si effettua l'inventario, è importante non raggruppare tutti i vini per varietà. Assicurati di annotare la varietà, la denominazione, auto-coltivata o acquistata, diverse annate all'interno della stessa produzione, miscele, riserve e confezioni.

Tasse statali

Gli Stati stanno diventando un po' esuberanti e stanno cercando di raccogliere fondi attraverso gli audit. Se sei nervoso per questo, presenta un accordo di divulgazione volontaria con l'agenzia delle imposte in merito a reclami insoliti.

Le attrezzature agricole possono anche essere presentate come esenzione dall'imposta sulle vendite, così come i pannelli solari che aiutano ad alimentare una fattoria e il traliccio che trattengono le tue viti.

Altre strane esenzioni sono semi, piante e fertilizzanti, oltre a materiale promozionale e pubblicitario e botti di quercia.

Produttori nazionali

Questo può consentire una detrazione fiscale fino al 9%! Le regole sono che lo stoccaggio, la manipolazione e la lavorazione, così come la coltivazione o la vinificazione, devono avvenire negli Stati Uniti.

Tutto sommato, dopo aver letto o sfogliato questo articolo, una delle maggiori differenze da notare è la differenza di tassazione per un'impresa individuale rispetto a società di persone, società, ecc. È anche molto importante notare che il tuo vigneto si definisce piccola azienda agricola. Gli Stati Uniti amano le loro piccole fattorie – beh, forse amano tutte le loro fattorie. Tuttavia, dopo molte pressioni esercitate per conto delle grandi aziende agricole, le piccole aziende agricole possono ottenere molti vantaggi fiscali agricoli che possono aiutarle a mantenere i soldi investiti nel vigneto e nella cantina, il che è piuttosto grande.

No, non ho reso la dichiarazione delle tasse meno dolorosa. Sono abbastanza sicuro che sarebbe stato quasi impossibile data la mia incapacità di annullare l'intero processo. Ci sono un sacco di risorse là fuori per aiutarti in questo processo e ti consiglio vivamente di parlare con un professionista specializzato in vigneti e cantine, forse anche prima di possederne uno in modo che tu possa avere un'idea migliore, sicuramente un più esperto approccio al lato commerciale della proprietà e della gestione di un vigneto. Una volta tolto di mezzo, possiamo tornare tutti a ciò che ci piace davvero: fare il vino.

Buona fortuna con l'IRS, tutto finirà presto!

 

Lascia un Commento